psicogenealogia

La sindrome degli antenati

Legami dal passato

Malricci

"Ciascuno di noi ha dentro di sé un romanzo familiare e ogni famiglia ha una storia da raccontare; una storia che si ripete, una storia mitica, una saga e dei segreti. Siamo tutti eredi di queste tradizioni. Più esattamente, siamo gli eredi di questa tradizione, di questa storia."

Nel passato familiare, anche quello lontano che con noi ha poco o nulla più a che fare, quando accadono degli eventi negativi che squilibrano quella specie di contabilità energetica che sta alla base di qualunque rapporto umano, si creano dei veri e propri debiti, insoluti da pareggiare. 

In questo dare e avere energetico ogni disarmonia non riequilibrata, si perpetua in una malefica eredità che va poi a pesare sui membri più deboli o più ricettivi all'evento. Sigmund Freud aveva intuito l'esistenza di un'anima collettiva con cui spiegava alcune forme di trasmissione inconscia da una generazione all'altra di simboli e di comportamenti dotati di forte risonanza emotiva. 

Carl Gustav Jung aveva poi ripreso e approfondito questa tematica, proponendo la teoria dell'inconscio collettivo. Successivamente, altri psicologi come Jacob Levi Moreno, l'ideatore dello psicodramma, Abraham, Dolto e Maria Tarok, continuarono a investigare sulle dinamiche inconsce di quell'entità che potrebbe essere definita "anima familiare", ovvero un inconscio collettivo più ristretto che ruota attorno al mondo del soggetto in modo più personale. 

Su questo mondo dell'inconscio familiare è però la francese Anne Ancelin Schützenberger, la fondatrice della psicogenealogia e della tecnica del genosociogramma, che individua chiaramente come all’interno della storia di una famiglia certi eventi accaduti nel passato e di un particolare spessore emotivo rimasti insoluti, possano poi produrre nella progenie particolarmente sensibile, altri eventi simili, che ripropongono all'infinito quell'emozione, fino a quando qualcuno non riuscirà ad affrontarla e poi a scioglierla. In Italia questo concetto è divenuto abbastanza popolare grazie al tedesco Hellinger e le sue "costellazioni familiari". 

Pur tuttavia, leggendo i suoi libri, il suo metodo risulta spesso l’effetto di percezioni soggettive (tipica una sua frase in cui "spiega" certe sue interpretazioni senza offrire un metodo di lettura preciso ma con un "Certe cose si sentono"). 

Se la sua personalità carismatica e comunque estremamente competente se lo può magari permettere, chi ci può garantire la stessa capacità negli altri? Con Anne Ancelin Schützenberger non si corre tale pericolo. Infatti nel libro vengono ben spiegate le premesse che portano poi a determinate letture e interpretazioni degli eventi. Un libro "tecnico" e per addetti ai lavori, ma anche un testo che può rivelarsi utile alla persona comune che cerca di investigare e capire le origini di alcune sue sofferenze.

The blog Review of Books, giovedì 30 dicembre 2004